Legge plastica monouso

Nel 2017 eravamo alle prese con la legge sulle buste di plastica ultraleggera che venivano sostituite dalle shopper compostabili.

Il 2019 invece inizia con altre novità che riguardano gran parte degli imballaggi in plastica. L’Unione Europea ha infatti sancito che entro il 2021 il consumo di oggetti in plastica monouso sarà vietato in tutto il continente.

Qual è la plastica monouso coinvolta?

In particolare il provvedimento riguarda piatti, bicchieri e posate usa e getta, cannucce, palettine per mescolare, contenitori per cibo da asporto in particolare quelli in polistirolo espanso e gli articoli in plastica ossi-degradabili (come sacchetti o imballaggi non biodegradabili).

Dal divieto un’opportunità per tutti

Affrontare il problema della plastica è una necessità in particolare per proteggere l’inquinamento di mari e spiagge che sono letteralmente invase da questo materiale.

La direttiva europea in questo senso si sta rivelando una vera e propria opportunità di business su più fronti.

Prima di tutto per quanto riguarda l’innovazione tecnologica sui materiali. Già da diversi anni sono ormai in commercio una serie di alternative agli imballaggi in plastica realizzati con materie prime organiche biodegradabili e compostabili. Si tratta dell’acido polilattico, della polpa di mais, del Mater-Bi e più banalmente della carta (già da tempo in uso come alternativa ecologica).

I vantaggi del monouso ecologico

Ogni materiale presenta delle caratteristiche precise ed è più o meno adatto a contenere alcuni tipi di alimenti. In generale quasi tutti hanno ormai raggiunto la resistenza e solidità della plastica. Alcuni contenitori da asporto sono adatti a contenere cibi sia caldi che freddi e possono essere usati nel forno a microonde e in frigorifero.

Inoltre con il passare del tempo il monouso compostabile diventerà sempre più economico, mentre la plastica comincerà ad avere sempre più restrizioni, come ad esempio il possibile divieto di distribuire bicchieri, piatti e posate in plastica gratuitamente.

Infine lo smaltimento diventa più semplice. gran parte di queste stoviglie possono essere smaltite nell’umido perché al 100% compostabili rendendo più facile il lavoro a te e ai tuoi clienti.

Prossime scadenze

Entro il 2021 verranno bandite le stoviglie in plastica monouso.

Entro il 2025 si dovrà raccogliere il 90% delle bottiglie di plastica monouso per bevande.

Scopri le alternative alla plastica