Cos'è il packaging

Che cos’è il packaging?

Il packaging, o confezionamento, è l’involucro che racchiude un prodotto, proteggendolo e rendendolo idoneo alla vendita e al trasporto.

Il packaging racchiude l’insieme delle attività di progettazione e produzione dell’imballaggio di un prodotto. Include la scelta dei materiali, il design grafico e strutturale, e le tecniche di confezionamento.

La sua funzione principale è quella di proteggere il prodotto, facilitarne il trasporto e la manipolazione, fornire informazioni al consumatore.

Dettagli e design del packaging

Il packaging non si limita solo a contenere e proteggere il prodotto durante il trasporto e la conservazione, ma ha anche un ruolo fondamentale nella comunicazione con il cliente.

Va considerato come un vero e proprio strumento di marketing. Il design, i colori, le immagini e i testi della personalizzazione utilizzati sull’imballaggio possono influenzare significativamente la decisione di acquisto.

Un imballaggio ben progettato o ben scelto può attirare l’attenzione e trasmettere l’identità del marchio. Per questo il packaging deve trasmettere coerenza con il marchio e l’identità aziendale: la forma, le fantasie e i colori devono essere pensati o scelti come estensione dei prodotti venduti

Un buon packaging infatti riflette i valori e l’immagine del brand, creando un collegamento visivo ed emozionale con il consumatore. Ad esempio, un negozio che è rinomato per la sostenibilità ambientale utilizzerà materiali riciclabili e design che richiamano l’ecologia.

Quali sono le funzioni principali del packaging?

Il packaging svolge diverse funzioni chiave:

  1. Protezione del prodotto: protegge il contenuto da danni fisici, contaminazione, umidità e altri fattori ambientali che potrebbero comprometterne la qualità. Ad esempio, un imballaggio per alimenti deve preservare la freschezza e prevenire la contaminazione.
  2. Facilitazione del trasporto e dello stoccaggio: permette un facile trasporto e immagazzinamento dei prodotti, riducendo il rischio di danni durante la movimentazione. Ad esempio, scatole di cartone con rinforzi interni possono proteggere oggetti fragili.
  3. Comunicazione e marketing: fornisce informazioni essenziali come il nome del prodotto, il marchio, le istruzioni per l’uso e le caratteristiche del prodotto. Un design accattivante può influenzare positivamente l’acquisto.

I diversi tipi di packaging: primario, secondario e terziario.

Il packaging si suddivide in tre categorie principali: primario, secondario e terziario, ciascuno con funzioni specifiche.

Il packaging primario è il contenitore immediato del prodotto, quello che entra in diretto contatto con esso. Esempi di packaging primario sono le bottiglie per le bevande, le scatole di cereali o i tubetti di dentifricio. Questo tipo di imballaggio è essenziale per proteggere il prodotto, mantenerne la freschezza e fornire informazioni direttamente ai consumatori.

Il packaging secondario è l’imballaggio esterno che raggruppa diverse unità di packaging primario, facilitando la gestione e il trasporto dei prodotti. Ad esempio, una scatola di cartone che contiene più bottiglie di acqua ma anche un sacchetto grande che contiene più sacchetti . Il packaging secondario serve a proteggere i prodotti durante il trasporto e a rendere più agevole la loro distribuzione nei punti vendita.

Il packaging terziario, infine, è utilizzato per la movimentazione e la spedizione di grandi quantità di prodotto. Include pallet, casse e film estensibile utilizzato per assicurare i carichi. Questo tipo di imballaggio è cruciale per la logistica e la distribuzione, garantendo che i prodotti arrivino intatti dal produttore al distributore o al rivenditore.

Quali materiali sono utilizzati nel packaging?

I materiali comunemente usati per il packaging includono:

  1. Carta e cartone: Spesso utilizzati per scatole e imballaggi leggeri, sono facilmente riciclabili e possono essere stampati con informazioni dettagliate.
  2. Plastica: utilizzata per la sua versatilità, leggerezza e capacità di protezione. Tuttavia si tratta di una scelta vincente solo quando si tratta di plastica riciclabile o riutilizzabile.
  3. Materiali bio: soprattutto nel packaging alimentare si trovano molte soluzioni in bioplastica e materiali organici che possono essere facilmente smaltiti nell’umido.
  4. Vetro: impiegato soprattutto per contenere liquidi e alimenti, è impermeabile e può essere riciclato molte volte senza perdita di qualità.
  5. Metallo: spesso utilizzato per scatole e contenitori robusti, offre una grande protezione contro gli elementi esterni.

Come influisce il packaging sulla sostenibilità ambientale?

Il packaging ha un impatto significativo sull’ambiente, motivo per cui la scelta dei materiali e il design sostenibile sono diventati prioritari per molte aziende.

La sostenibilità nel packaging implica l’uso di materiali riciclabili, riutilizzabili o biodegradabili, la riduzione degli sprechi e l’ottimizzazione della produzione e della logistica per minimizzare l’impatto ambientale.

Ad esempio, Eurofides offre una gamma di imballaggi ecologici, fatti con materiali riciclabili che rispondono alle esigenze di sostenibilità dei clienti.

Eurofides e il packaging

Eurofides offre principalmente packaging per  negozi con una vasta gamma di soluzioni adatte a diversi tipi di aziende: dai negozi di abbigliamento alle pasticcerie, dalle farmacie agli e-commerce.

La nostra selezione include buste shopper, sacchetti, confezioni per alimenti, scatole, materiali per l’allestimento delle vetrine, prodotti monouso per la ristorazione e imballaggi per la spedizione.

Visita il nostro catalogo prodotti per scoprire tutte le soluzioni disponibili e scegliere l’imballaggio più adatto alle tue esigenze.